Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates
PDF Stampa Email
Indice
Sismica a rifrazione
Pagina 2
Tutte le pagine

 


Tale procedura consente di manipolare parecchie situazioni geologiche reali, quali distribuzioni discontinue della velocità sismica con brusche variazioni dei gradienti di velocità sia in senso verticale che laterale causate da zone di deformazione.
Il modello calcolato viene in seguito comparato con il modello sperimentale e se l’adattamento è considerato soddisfacente, sia dal punto di vista dell’errore matematico (residui temporali) sia considerando eventuali informazioni note riguardo le caratteristiche fisiche del sottosuolo indagato (dati geologici, geognostici
o di precedenti indagini geofisiche), tale risultato viene ufficializzato, rappresentando il modello attraverso una mappa della distribuzione della velocità in funzione della profondità.
Il controllo di qualità dei modelli sismostratigrafici è eseguito dalla diretta comparazione grafica tra i tempi di percorso valutati sperimentalmente e quelli calcolati dalla soluzione del modello. Per fornire informazioni sull'affidabilità del modello di velocità, viene anche considerata la copertura dei raggi sismici con la profondità lungo la sezione indagata.


Campi di applicazione


La sismica a rifrazione è uno dei metodi geofisici per la conoscenza del sottosuolo più utilizzati dall'ingegneria civile. Il campo di utilizzo della sismica a rifrazione è molto vasto comprendendo:

  • studi di carattere geotecnico e di idrogeologia (ricerca di falde idriche, ubicazione di pozzi);
  • geologia-ambientale (frane e risanamento di zone dissestate, cave, discariche, microzonazioni sismiche).

Particolarmente validi sono i contributi del metodo sismico per la localizzazione di aree carsiche sepolte, per la determinazione del substrato in zone di riempimento alluvionale, detritico o di riporto, per la definizione delle coperture di alterazione e delle zone fratturate in un bedrock, negli studi di rippabilità, etc..

Vantaggi

  • Sufficientemente economico
  • Informazioni dettagliate e areali
  • Vasta applicabilità
  • I risultati sono correlati a importanti parametri geomeccanici e geotecnici
  • Consente di valutare alcune caratteristiche fondamentali (Vs30) per il calcolo della risposta sismica di un sito ai sensi delle nuova normativa (NTC08, 2008)

Limiti

  • Le velocità sismiche dei terreni interessati dall'indagine devono crescere con la profondità
  • Per essere rilevati gli strati debbono possedere uno spessore sufficiente e le interfacce degli strati devono essere nettamente distinte, senza passaggi graduali
  • Rilievi eseguiti su terreni di riporto o in aree adibite a discariche e in presenza di forte rumore antropico e in zone di basso rapporto segnale-disturbo conducono spesso a risultati non affidabili
  • Fratture singole e strette non vengono ben definite.

Strumentazione utilizzata ed elaborati forniti


Per le indagini sismiche si utilizza una strumentazione componibile multicanale caratterizzata da una serie di convertitori analogico-digitali a 16 bit reali (fino a 20000 Hz) collegati con cavi digitali direttamente ai geofoni (velocimetri con frequenza centrale di 4.5 Hz) e, attraverso una interfaccia multiplexer, ad un pc portatile dedicato. Le principali caratteristiche della strumentazione, che consente indagini sismiche di vario tipo (rifrazione, riflessione superficiale, SASW, MASW, ReMi, down hole, cross hole, tomografia sismica, etc.) sono le seguenti:

  • capacità di campionamento dei segnali da 0,05 ms a 60 s
  • filtri digitali High pass, Band reject, fase zero, background removal
  • controllo guadagno automatico (AGC) e manuale
  • stacking automatico e manuale
  • memoria per canale 64K
  • numero massimo di campioni 30000
  • rapporto segnale-rumore di 90dB
  • possibilità di preview, congelamento tracce e inversione di polarità
  • geofoni verticali e orizzontali a 4.5 Hz
  • trigger a sensibilità regolabile
  • sensore tridirezionale (di cui uno verticale e gli altri due orizzontali polarizzati a 90° tra loro) con sistema pneumatico di ancoraggio in foro

I dati vengono registrati su pc portatile e poi processati in studio. I risultati vengono forniti con una relazione tecnica di commento che include le tabelle con i modelli interpretativi e le sezioni sismostratigrafiche.